lunedì 16 luglio 2012

The Manhattan Project - Buon gruppo. Un gioco? Davvero?


Modella: Barbara Sbabby Rodolfi
Fotografo: Alessandro Firmalli
Titolo: Manhattan Project
Anno: 2012
Autore: Brandon Tibbetts
Editore: Minion Games (ing)
Tipo: da tavolo
Genere: gestionale
Tema: creazione bombe nucleari
Meccanica: cubetti, piazzamento omini, compra le carte, gira le carte, mettersi d'accordo
Giocatori: 2-5 (sconsigliato in meno di 3 e in più di 4, anzi, sconsigliato.)
Durata: 120'/240'
Difficoltà: 3/5
Dipendenza dalla lingua: nulla.
Illustratori: Sergi Marcet (io non l'avrei detto).
Gallery



Giochiamo alla guerra, figuriamoci se non possiamo giocare a preparare il più efficace strumento di morte dell'umanità, dopo la religione (ehi, quel dio col diluvio non teme concorrenza eh!).

Qualcuno pensa che l'utilizzo delle ricerche scientifiche per fini bellici sia un errore, onorando questa tesi i produttori di Manhattan Project hanno deciso di impattare sui giocatori con un errore di stampa sulle carte per il setup iniziale; così il gioco inizia prima, questa fase di ricerca si chiama "2 su 50", e coinvolge l'intero gruppo con un certo successo, generalmente inficiando la totale noia del resto dell'apparato.

L'opera di Tibbetts è un tedesco senz'appello, una gestione risorse di quelle che ce ne aspettiamo un paio decenti l'anno, poi ne arrivano una dozzina, spartendosi il potenziale. A differenza degli altri però questo rivoluziona il worker placement con Puzzilli specializzati, come rivoluzionare la cucina cuocendo la pasta nell'acqua tiepida.

Tre tipi di lavoratori specializzati che è possibile obbligatorio rimediare durante i primi turni di partita per sfruttare azioni altrimenti inaccessibili (tipo costruire le bombe fare punti). Questi "addetti ai lavori", disegnati su mezzo centimetro di cartonato, si "distinguono" per colore e tipologia senza troppa verve, ma un occhio attento non troverà difficoltà nel gestirli con disinvoltura. C'è da dire però che un occhio attento probabilmente sarebbe già stato messo in fuga dalle grafiche ghiotte come praline di muco appiccicate qua e là sui materiali, a partire dal tabellone centrale, che pecca decisamente in estetica guadagnando però in incomprensibilità.
Le plance dei giocatori sono un "cafolavoro" di arte minimalista, ma grandi. Dieci slot per le carte costruzione e un segmento retto di strada con 11 numeri. Yeah!

Poi una risorsa base, tanto per avere dei cubetti, e delle monetine in fustellato il cui dubbio gusto estetico passa sotto traccia grazie al resto, e poi a questo punto starete già esultando perche uno di voi ricercatori ha trovato una carta del "2 su 50".

Un po' per disgusto, un po' per forti dubbi riguardo la loro utilità, molte caselle del tabellone centrale rimangono inutilizzate per l'intera partita, a meno che non stiate disperatamente tentando di provare che il limite a 5 giocatori sia stato onestamente ponderato. Questa astinenza da gran parte delle azioni causa l'avvizzimento di certe meccaniche di riequilibrio , ma non preoccupatevi, l'equilibrio non è una priorità in nessuna delle parti del gioco.

Le costruzioni possibili, che appaiono con il classico sistema di draft palese a scorrimento progressivo come fosse antani, sono senza particolari equilibri e pescate a casaccio, secondo il teorema algebrico che i più tendono a considerare pugilistico del "meno per meno", con il risultato di un occhio nero e un gioco bilanciato col culo. Quindi al vostro turno potrete trovare disponibili fior di costruzioni come eleganti sputacchiere da passeggio, tanto si mischiano. Ma sempre per l'amato "meno per meno" una seconda mischiata il buon Brandon la dà inserendo l'azione di spionaggio, con la quale, pagando, è possibile utilizzare le costruzioni altrui, ancora una cosa dall'imbarazzo democratico, tra chi deve scegliere dove farlo, chi si vede scombinati i piani e chi, suo malgrado, aspetta.

Regola generale del conflitto designer/giocatore: meno ci penso io, più ci pensate voi.

- Lavoriamo ancora un po' sulle costruzioni?
- Ma via, falle a cazzo e metti che si possono utilizzare dagli altri. Ora aiutami a colorare questo pene come fosse una bomba.

Bombe. Al plutonio o all'uranio, da imbarcare o da testare, da tanti punti o da pochi, non importa, l'importante è pescarle attraverso un draft. Hai visto mai che qualcuno volesse seguire una strategia.

Ok, a questo punto avrete in mente il gioco: una rapida progressione iniziale e poi ripetizione alla nausea. Dev'essersene accorto Brandon, o almeno uno dei suoi sei playtester, magari quello ancora sveglio, quindi come inserire del brio senza ricorrere a strumenti a batteria? Un briciolo in più d'interazione diretta!

Così ecco caccia e bombardieri, i caccia abbattono i caccia e i bombardieri, i bombardieri danneggiano le costruzioni rendendole inutilizzabili. In una partita a due giocatori suonerebbe come una cosa un po' scema, un'escalation di minaccia fino ad arrivare al livello massimo (10) e poi lì come nulla fosse. Ma già giocando in tre ecco che ci si accorge di come l'interazione diretta ottenuta da caccia e bombardieri sia globalmente imbarazzante, ossia in grado di imbarazzare altrettanto e contemporaneamente chi la applica, chi la riceve e chi la osserva. Subisce tutte le beghe classiche dette "delle lamette da barba": "la prima alza il pelo, la seconda lo taglia, le altre godono", se capite che intendo (se non lo capite, provate ad utilizzare tutte le vostre risorse per brasare uno dei vostri avversari ed osservate il sorriso degli altri giocatori al tavolo).
Inoltre tutto ciò è accompagnato dal meschino tentativo di gestione della diplomazia: "è possibile concordare attacchi o accordarsi per evitare di subirne, ma solo per il turno in corso". Da queste parti avremmo detto: "facevi mejo a 'sta zitto".

Alla luce di quanto detto potrete figurare la miriade di possibilità strategiche che offra un'eventuale partita a Magic, cosa a cui penserete spesso durante la inspiegabilmente e ingiustificabilmente lunga partita a Manhattan Project, tanto da inserire nella wishlist della giornata "fare da bersaglio per il test al plutonio". Non si può, bisogna tirar fino alla fine. Facendo l'unica cosa che potete fare: accumulare risorse fino a preparare le bombe (che per inciso non lancerete mai).

I punti sono palesi (anche se le bombe da costruire una volta scelte le coprite, complimenti Brandon, ci voleva una carta di memoria), quindi a due/tre turni dalla fine è per lo più possibile decretare il vincitore, cose tipo "in due turni ho vinto", "io in tre", "io ce la dovrei fare in questo turno, aspetta che conto". Roba che ci sarebbe da cronometrare il tempo di calcolo con il tempo di gioco e valutare se sia meglio dichiararla o giocare la fine della partita.

Il brivido finale ci può essere quando, in caso di possibile parità a un turno da un traguardo che sembra quello della 24 ore di Le Mans, si generi la più classica e bieca situazione di Kingmaking. Purtroppo (o per fortuna visti i precedenti) in questo senso l'autore ha deciso di astenersi da interventi diplomatici: "cazzi vostri".

Il regolamento, come troppo spesso accade, è scritto dalla mano sinistra della Troisi, facendo apparire un gioco in realtà meccanicamente semplice come un complicato algoritmo di azioni e reazioni. Ce la mettono tutta per mettervi in guardia, ma alla fine solo i peggiori ce la fanno.

In somma Manhattan Project spiana la strada a nuovi orizzonti ludici: tipo mangiarsi i pezzi.

PS se ve lo state chiedendo, sì, oltre ai difetti indicati (Bilanciato col culo e Scritto dalla Troisi) il gioco è Giavvisto, A breve scadenza e con Tema del cazzo. Non affondiamo con Componentistica da cesso solo per non rischiare di concedere un en plein. 

Ringraziamo Barbara Sbabby Rodolfi, qui presa di sorpresa in posa naturale da Alessandro Firmalli, per lo spirito e l'ineguagliabile eleganza con cui ha accettato di partecipare con noi:
- Ah, volete farcire di patonza eh? Ci sto.

22 commenti:

  1. Contando che questo e Infiltration sono due dei tre regali che gli abbiamo comprato per il compleanno direi che ci abbiamo azzeccato! :D

    RispondiElimina
  2. Qual è il terzo? Così sappiamo cosa aspettarci lunedì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Recessologo18 luglio 2012 10:22

      Marco, lunedì recensiscono il tuo gioco gay fatto per persone gay che ha preso 6 su gameboard geek e fa cagare a spruzzo...

      Dalla preview sembra che non siano riusciti ad andare oltre l'apertura della scatola: il losco figuro (chiaramente omosessuale) presente in copertina li ha costretti a continui andi-rivieni dal salottino al trono reale di bianca porcellana - si sono promessi che ci riproveranno domenica dopo aver preventivamente assunto un'overdose di imodium.

      Comunque hanno già preparato il jingle:
      "Gira, gira, gira... scegli 11 spruzzi"

      Il Recessologo
      Diarrhea's Consultant

      Elimina
    2. Ah, tu mi puoi chiamare per nome, ma io non posso, quindi ti chiamero stronzolo, ma con affetto.
      Hai ragione, stronzolo, per molti il gioco è buono solo come lassativo, però che posso farci? A me è piaciuto lavorarci e sono contento di come è venuto. Capisco che sia un gioco particolare, ma molti hanno apprezzato, due soldi ce li ho presi, se ci hai giocato e non ti è piaciuto mi spiace, ma credo ti sia capitato anche altre volte per cui, stronzolo, mettiti l'animo in pace.
      Se il gioco è per gay meglio, sono sicuro che è un bel mercato da esplorare.
      Comunque il troll religioso ti dà davvero troppo la paga, stronzolo.

      Elimina
    3. Il Recessologo19 luglio 2012 16:24

      Non mi sorprende chetu preferisca l'ironia religiosa: è risaputo che gli omosessuali hanno un odio atavico verso la chiesa in quanto ripudia la loro sessualità e non gli permette di avere pari diritti.

      Ma 011 non avrà mica il recondito significato di minimo numero di spinte pelviche indirizzate al tuo orifizio anale richieste dal tuo sistema nervoso autonomo ortoantipatico al raggiungimento dell'orgasmo??

      Marco Pride!

      Il Recessologo
      Coming Out's Consultant

      Elimina
    4. Cavolo, stronzolo, ci ragioni - evidentemente - davvero un sacco sulle sagaci battute che snoccioli con abilità: la costruzione delle frasi, l'uso sapiente delle figure retoriche... ahimé, con la tua maldestra omofobia hai proprio colto nel segno: accusarmi di omosessualità è il mio punto debole, tanto che me la sono presa tantissimo per le tue parole.
      Mi verrebbe da risponderti con eguale sagacia, per esempio con un bel "ti puzza il culo", ma purtroppo mi tocca lasciarti questa ampia vittoria, ché non ho tempo né voglia di darti altra pappa...
      Un bacino, stronzolo, quando vuoi passare al livello successivo (litigare con nome e cognome) vieni a trovarmi sul blog dei Paperi.

      Elimina
    5. Il Recessologo20 luglio 2012 10:27

      Per me niente paperi, grazie... Solo papere.
      Declino con pacata cordialità la tua omo-offerta.

      Il Recessologo
      Coming Out's Consultant

      Elimina
  3. Voi inveite contro Iddio, da questa pagina piena di oscenità e depravazione, nera come la vostra anima, ma Egli vi ama comunque e vi può salvare.
    Il vangelo parla di vere e proprie possessioni diaboliche, in cui l'opera danneggiatrice del diavolo corrompe le menti e infanga le cose che fate, che dite e che fate.
    Qualcuno parla di malattie psichiche sessuali, ma direi che il vostro è il caso dello smarrimento della retta via e della possessione: la natura malvagia del demonio e il suo odio distruttore verso l’uomo vi hanno immerti nella oscurità più nera.
    Ma il vangelo parla del demonio per mettere in risalto la potenza del Cristo che con una sola parola libera i posseduti dallo spirito del male e in tal modo mostra la sua debolezza e l’impotenza del diavolo.
    Pregate, e vedrete che la Parola del Signore può salvarvi le vostre anime.

    RispondiElimina
  4. La Bibbia dice pure che se uno gioca a dadi o mangia le vongole sarà dannato in eterno.

    Tu mangi mica le seppie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non gioco d'azzardo, e le mie abitudini alimentari, comunque rispettose delle leggi di Dio non sono affare tuo.
      Piuttosto, pensa alle tue, di abitudini! Prega invece di fare questi giochi del computer, e di guardare le donne lascive, pensa al dolore di tua madre e a Iddio che ti vede e prima o poi ti giudicherà

      Elimina
    2. Secondo me mangi vongole e seppie. E pure il caciucco.

      Elimina
    3. Luca, 6
      41 Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo? 42 Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.

      Elimina
    4. Ma tu sei sicuro sicuro sicuro sicuro che la trave ce l'hai nell'occhio?

      Elimina
  5. NON CI POSSO CREDERE...

    RispondiElimina
  6. Ci mancava solo l'emissario di Dio anonimo.
    E' proprio vero, non c'è più religione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego anche per te, che hai smarritto la via e la luce di Cristo.

      Elimina
  7. Bello il gioco e bella la recensione, non so voi ma io lo compro.

    RispondiElimina
  8. L'Ateologo18 luglio 2012 10:12

    Porca vongola,
    questo è trolling a un livello troppo elevato.

    Point taken.


    L'Ateologo
    Ecclesia's Hater
    Burning Crusaders since 1973

    RispondiElimina
  9. Mamma mia... che diavolo sta succedendo???
    E' diventato un covo di disadattati che credono di essere divertenti... La prova che all'imbecillità umana non c'è fine è chiara e lampante qui, grazie a recensologo e il predicatore.
    La cosa allucinante è che sono convinto che credano di essere simpatici.
    Che brutta fine.
    E pensare che un tempo era possibile trovare alcune discussioni divertenti su questo blog.
    Probabilmente avreste fatto meglio a chiudere quando avete fatto la trollata. Avreste evitato a simili idioti di rovinare tutto.

    Smaronato I

    RispondiElimina
  10. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

    Il delirio religioso è splendido! Complimenti!

    (la recensione boh.... preferisco quando mostrate i difetti di giochi "famosi")

    RispondiElimina
  11. Diavolo!

    Il l'omoanonimofobo contro il quasi autore, il pontifex contro il paraculoide, ma quanta cazzo di roba mi sono perso?
    Brutti bastardi, proprio quando sto in ferie? Mò mi tocca flammare per tutto agosto per recuperare!

    RispondiElimina

Il sistema ci mostra il tuo IP, pensaci quando ti viene in mente di offendere qualcuno o infrangere qualche legge.