lunedì 14 maggio 2012

Eclipse - la via di mezzo, tra il male e il peggio

Titolo: Eclipse
Anno: 2011
Autore: Touko Tahkokallio ("Titti" per i pochi amici)
Editore: Lautapelit.fi - Asterion (ita)
Tipo: gioco da tavolo
Genere: esplorazione, gestionale, combattimento
Tema: imperi galattici
Meccanica: cubetti, di menarsi, tipo Risiko, mettersi d'accordo
Numero Giocatori: 2-6
Durata: lungo, molto più del mio, meno di Twilight Imperium
Difficoltà: 3/5
Dipendenza dalla lingua: nulla (se conoscete almeno l'inglese, per l'edizione italiana)
Illustratore: omessi per rispetto della privacy
[di White Bishop]


Secondo Einstein, se ricordo bene, due cose sono infinite: l'universo e la stupidità dei gamers, ma riguardo l'universo ci sono ancora dei dubbi.

Eclipse è un gioco che riesce a smentire una delle due affermazioni precedenti, indovinate quale? E no, i gamers non c'entrano.

Si parcheggia sul vostro tavolo con la stessa discrezione con cui Briatore parcheggia lo yacht a Porto Rotondo, esibendo l'opulenza di centinaia di cubetti di legno, astronavi di plastica ed esagoni di cartone e un paio di dozzine di dadi, che ne dovrebbero giustificare il costo, che all'incirca è quello del canotto dello yacht di Briatore.

In effetti Eclipse più che un gioco è uno status symbol, infatti piace per forza a tre categorie di gamers:
- quelli che l'hanno comprato, perché devono giustificare con se stessi in qualche modo il fatto che se hanno speso settanteuri mica possono aver preso un gioco brutto
- quelli che se un gioco dura meno di tre ore, ha un regolamento comprensibile di sole otto pagine, non è di un editore turkmeno sconosciuto e non contiene millemila tasselli/tessere/carte diverse allora è brutto
- quelli che non se la sentono di smentire le due categorie precedenti

Da subito, Eclipse ci ha colpito per la sua estrema originalità nelle meccaniche, con trovate innovative ed inedite come: "più azioni si fanno più le si deve pagare", "converti due risorse marroncine in una risorsa arancione", "gira una tessera e vedi se sei stato fortunato", "tirare 6 sul dado è più figo che tirare 1" o "costruisci delle cose pagando risorse".

Ma dove il gioco dà veramente il meglio è nello sposare alla perfezione meccaniche ed ambientazione. In Eclipse, ci sono sei azioni che potete fare: esplorare, influenzare, ricercare, upgradare, costruire e muovere.

Vediamo qualche esempio di gioco calato nella realtà di alcune di queste azioni, per meglio apprezzare come le meccaniche siano del tutto logiche e coerenti con l'ambientazione della creazione di imperi stellari.

ESPLORARE

"Tenente Dwight, avviare i motori. Siamo pronti per la missione esplorativa del settore C-Z13X, dove nessuno è mai giunto prima."
"Comandante Boeing, non possiamo. Il settore C-Z13X non esiste più."
"Tenente, non dica fesserie? Non vede che c'è un portale aperto verso lo spazio aperto?"
"Lo so, Signore, ma pare che gli Xwyrzyx abbiano esplorato poco prima di noi il settore F-Y34"
"E con questo, Tenente?"
"E con questo, Signor Comandante, hanno finito i settori esplorabili. Lo spazio, si sa, è finito."
"Mi vuol dire che siccome una razza aliena ha esplorato un settore dall'altro lato della galassia, noi ora non possiamo più esplorare i settori di questo lato di galassia, Tenente?"
"Esattamente, Comandante. Come le dicevo, l'universo è finito."
"Spegna i motori, Tenente. Mi vada a prendere l'uniforme da Picard e accenda il visore con l'ultimo episodio di Star Trek".


RICERCARE

"Eureka! Sono sul punto di skoprire il kannone antimaterien!"
"Non può farlo, Herr Professor."
"Koza tu dire Fritz, perché io non può skoprire il funzionamento di kannone antimaterien?"
"L'hanno già scoperto gli Xwyrzyx, per questo decennio non si può fare."
"E per quale ragionen gli Xwyrzyx hanno potuto skoprire kannonen prima di noi? Zi zvegliano forze prima di noi al mattinen?"
"Ehm, no, Herr Professor. Hanno fatto meno cose di noi nello scorso decennio."
"Fammi kapire, Fritz. Gli Xwyrtz hanno passato il decennio skorsen a fare un pizolinen e per qwezta ragione ora possono skoprire kannonen antimaterien, mentre io non potere?"
"Sì, Herr Professor."
"Fa bene, Fritz. Io allora skoprire kannonen al plasma. Potrò io skoprire almeno maledettissimen kannone plasma, no?"
"Ehm, no, Herr Professor. Il cannone al plasma non è disponibile in questo decennio, l'ha deciso il ministero della ricerca intergalattico. Quest'anno è uscito il cannone antimateria, inglese scritto e matematica. E le bombe ai neutroni."
"Io non kapire, Fritz. Noi non afere studiato per ricercare bomba ai neutronen. Io non zapere niente di bomba ai neutronen ma potere skoprire lo stesso, zi?"
"Sì, Herr Professor."
"Eureka! Io appena skoperto bomba ai neutronen così io lanciare su testa di kuei maledetten Xwyrtz. E magari anke su kommissionen di ministero intergallattiken."


UPGRADARE

"Tenente Dwight, ingaggiare il nemico. Questa volta, gliela facciamo pagare ai maledetti Xwyrtz. Le nostre astronavi sono meglio armate e con più scudi, sono in trappola."
"Signore, sugli incrociatori nemici sono comparsi degli scudi, prima non c'erano."
"Dwight, non dire fesserie, come sarebbe a dire 'sono comparsi degli scudi'?"
"Devono aver aggiornato la flotta, Comandante. Signore, ci stanno sparando per primi loro. Missili al Plasma signore. Sì lo so, anche quelli non c'erano, prima. Si calmi, Comandante. Sì lo capisco che aggiornare l'arsenale di una nave non è come installare un software a distanza, Signore... Comandante?"


MUOVERE

"Dwight, dia ordine alla flotta di muoversi, entriamo nel settore B-M83."
"Agli ordini, Ammiraglio Boeing. Complimenti per la promozione, a proposito."
"Grazie Dwight. Le ore passate in Accademia a giocare a Risiko sono servite a qualcosa, nella battaglia con gli Xwyrtz. Comunque, Tenente, finalmente un'ordine che riusciamo a far eseguire senza intoppi. Ma... Tenente, come mai il Capitano Glock non accende i motori?"
"Ammiraglio, con un ordine di movimento alla flotta possiamo muovere solo tre astronavi, pensavo lo sapesse. E pensi che gli Xwyrtz ne muovono solo due."
"Esiste una spiegazione logica per questo, immagino, Tenente. Mi illumini."
"Non saprei, Ammiraglio, forse il carburante è limitato? O forse il fatto che usiamo dei walkie talkie per trasmettere gli ordini e nello spazio la portata è limitata."
"Quindi, Tenente, se invece di dare ordini a tre astronavi dessimo l'ordine ad un'astronave sola?"
"La sua velocità triplicherebbe, Ammiraglio."
"Prenda lei il comando, Tenente, io dò le dimissioni e torno a comandare la mia flotta nella galassia di Twilight Imperium."

La perfetta coerenza tra meccaniche tedesche ed ambientazione, il peso irrilevante della fortuna specialmente nelle prime fasi di esplorazione o negli scontri, tocchi geniali di bilanciamento come il fatto che la fazione sconfitta in battaglia possa ricavarne più punti vittoria di quella vincitrice, sono i fattori che incarnano mirabilmente il gioco nel concetto di "overrated" se solo avessi idea di cosa questo significhi.

Da apprezzare particolarmente il fatto che, se per caso in un turno non avete combattuto contro nessuno ma i vostri avversari sì, mentre si risolvono i combattimenti potete sempre guardare un interessante documentario sui rituali di corteggiamento delle otarie, costruire una Torre Eiffel in miniatura con i cubetti avanzati o riguardarvi una stagione di Fringe.

Eclipse gioco del 2011, quindi? Considerando che nel 2011 abbiamo avuto l'esplosione della centrale di Fukushima, l'attentato terrotistico di Oslo, l'uragano Irene negli Stati Uniti e il primo governo Monti, tutto sommato Eclipse si inserisce bene nel contesto.


POST SCRIPTUM

"Finalmente, Tenente, abbiamo avuto la meglio su quella nave degli Antichi. Mandi qualcuno ad esplorarla per vedere se scopriamo qualcosa di interessante."
"Comandante, i nostri tecnici riportano che gli Antichi conservavano una tecnologia per rinforzare lo scafo delle loro astronavi il triplo rispetto alle nostre."
"Ma l'astronave che abbiamo combattuto aveva lo scafo dello stesso spessore della nostra, come mai possedevano una tecnologia così potente e non l'hanno usata?"
"Si saranno estinti per mancanza di senso pratico, Signore."

POST POST SCRIPTUM

"Eureka! Con kwezta nuofa teknologia potremo costruire scafi per le nostre astronavi resistenti il doppien! Zono o non zono un genien?"
"Herr Professor... veramente il comandante di un'astronave poco fa ha scoperto per caso nello spazio una tecnologia per rendere le nostre astronavi resistenti il triplo, ed è già stata installata su tutti i nostri incrociatori."





NDR
La versione italiana, importata da Asterion Press, è totalmente in italiano. A parte tutti i componenti in inglese.
Tutte le versioni usano le medesime astronavine di Galactic Emperor, si potrebbe proporre un bundle.

Le plance son belle e pratiche come un furgone di cioccolata. I dadi odorano di cinese a vista.



60 commenti:

  1. Puffo Giocatore14 maggio 2012 19:46

    Va beh dai, non ne hai parlato neanche troppo male... tutto sommato, nella sua originalità, dev'essere un bel gioco :P

    RispondiElimina
  2. Ma non dimentichiamo che sta scrivendo il White Bishop.

    RispondiElimina
  3. White Bishop ha la spiacevole caratteristica di dire quel che c'è realmente da dire in un paragrafo solo, e di usare il resto per ironizzare in maniera civettuola e leziosa, al punto da farti dimenticare che il gioco è irrimediabilmente bacato.
    Però anche noi dobbiamo avere una quota rosa, quindi ce lo teniamo così com'è.

    RispondiElimina
  4. Defo onestamente dire ke kuesto giocco non intrica me più di tanto ma defo anke onestamente dire ke la convquista spaziale kon kubetti mi ha sempre poko attratto. Ma astronavine dopo aferle dipinte potrebbero essere karine...per altro goicco...

    RispondiElimina
  5. Va che ti dice bene, trovi le stesse astronavi in Galactic Emperor, che lo paghi la metà e magari una partita intera ce la fai pure (prima di vomitare nella scatola).

    RispondiElimina
  6. Non capisco... non l'ho provato ma ai miei amici piace un botto... e non mi risulta appartengano alle prime due categorie (alla terza non saprei).
    Altri pareri?


    Valerio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Valerio,

      noterai che non ho scritto che il gioco piace "soltanto" a quelle tre categorie di persone. Ci sono gamers a cui piacciono i giochi che occupano tanto spazio sul tavolo, quelli a cui piacciono i giochi inutilmente complessi, con setup eterno, tecnologie ed esagoni sbilanciati, ecc...

      Pensa che addirittura, come i più attenti avranno letto tra le righe dell'articolo, non dispiace del tutto neppure a me. Ma questo è ilpuzzillo.com mica un sito dove si fa divulgazione, quindi era giusto sottolineare - simpaticamente?- anche i difetti.

      Elimina
    2. Non sia mai, magari qualcuno si offende. Meglio non correre il rischio che ti spuntino un paio di palle fra concavo e convesso.

      Elimina
    3. A te rode solo perché sull'antro verdognolo hanno definito questo articolo come "il più stupido mai scritto sul Puzzillo"

      Elimina
    4. Io ci ho giuocato e ti posso assicurare che la recensione è perfetta. Io ci sto lontano, meglio un panda che sgranocchia del bambu' fucsia, e ho detto tutto.

      Elimina
  7. wow...quest'articolo si è meritato anche un link nella famosissima tana...(o forse mi ero perso i link degli altri articoli?)
    Skilos

    RispondiElimina
  8. Io ce l'ho e mi piace pure abbastanza ... dottore, è grave ? Ho anche Galactic Emperor (per avere le astronavi di riserva) e Twilight Imperium (quando non ho voglia di una partita veloce e voglio sedermi al tavolo per almemo 6 ore!)

    Ma io appartengo ad una categoria non citata dal recensore, ovvero quelli che se un gioco, per sbaglio, mette il naso nella top50 di BGG non posso resistere e devo comprarlo ... come me nel mondo ce ne sono tanti e quindi ora capite perchè BGG è diventato un vero e proprio "opinon leader" nel settore!

    Buon gioco
    Liga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per mettere il naso nella top50 di Bgg il gioco deve piacere alle due categorie sopra citate, e tu quindi dimostri di appartenere alla terza, quod dimostrandum erat.

      All'altro Ludologo: per capire il concetto di "opinion leader" puoi leggere qui http://it.wikipedia.org/wiki/Lemmings

      Elimina
  9. Non è grave che ti piaccia. Sarebbe grave se tu non ne vedessi i difetti, tipo il bilanciamento sballato o la componentistica disfunzionale. Ma neanche... sarebbe ancora più grave se tu, dallo scranno della ludologia, ti azzardassi a parlarne in una recensione, devastando di fatto la divulgazione. Meglio dire che il gioco "risente un po' del fattore fortuna" e che "manca la diplomazia, ma ripensandoci forse questo è un pregio". Non parliamo neanche dei tempi morti biblici, che poi la gente non lo compra e uccide il mercato.

    Però, collega, grazie per aver spiegato alle stupide masse come mai il più grosso sito del mondo dedicato ai giochi da tavolo sia un opinion leader per quanto riguarda i giochi da tavolo, qualunque sia la cosa che hai addotto come spiegazione (io, pur essendo ludologo, non ho capito).

    RispondiElimina
  10. Cosa intendi per "sbilanciamento sballato"? A che cosa ti riferisci dei vari elementi del gioco?
    Componentistica disfunzionale= che non è atta alla funzione che le è propria. Ma a me le plance di gioco sembrano PARTICOLARMENTE funzionali. Fattore fortuna? Bè è un wargame...le battaglie non si vincono solo con la tattica e la strategia, altrimenti giochiamo tutti a scacchi! Ma nca la diplomazia? Credo sia stato un preciso intento dell'autore per "snellire" il gioco. Tempi morti? Le Battaglie di due contro 3 astronavi non mi sono mai sembrate così veloci!
    Insomma, non sono d'accordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forrei precisaren eine pikkola kosa...qvesto non essere wargame ma boardgame...wargame essere eine altra facsenda...

      Elimina
    2. Allora, "risente del fattore fortuna" e "manca la diplomazia" non lo dico io, ma il recensore goblin di Eclipse (bravissimo, peraltro).

      Per quanto riguarda il mio approccio ludologico al gioco:
      a) Per "sbilanciamento sballato" intendo "un elemento\strategia" è palesemente migliore di tutti gli altri. Lungi da me dire che i missili sono chiaramente overpowered, tanto che le chance di vittoria di chi se li accaparra sono davvero molto molto più alte di quelle di chiunque segua altre strategie, rendendo spessi i match una gara a chi "arriva prima ai missili". Di certo non è così, e migliaia di giocatori inviperiti si sono semplicemente sbagliati.
      b) Ma certo che i materiali dell gioco sono funzionali. Apprezzo molto il dover tenere tre segnalini poligonali in una casella atta a contenerne uno solo, su una track sita in corrispondenza del mio gomito destro. Avere una pletora di cubetti su una plancetta tale che il primo urto accidentale sparge legno su tutto il tavolo è divertente e spezza il tran tran del gameplay. E infine, dover segnare delle "ferite" sulle astronavi ma non avere posto per farlo a me costringe a sforzi creativi appaganti e coinvolgenti.
      3) Hai ragione. Dopo tutto se passo prima degli altri, non ho motivo di fare azioni di reazione, e non ho combattimenti da fare, mentre i miei avversari finiscono azioni e scontri faccio sempre in tempo a finire tutto il pack di puzzle di Rush Hour, così mi diverto. Magari faccio anche merenda. Downtime non ce n'è.

      Però, scusami, ma io sono ludologo. Tu cosa sei? Un giocatore? Un appassionato?
      Pfui.
      Le tue opinioni, nonostante contengano intuizioni degne del miglior goblin, sono palesemente fallate dall'inesperienza, e sono destinate ad infrangersi come palline di polistirolo sulle mura marmoree della mia infinita sapienza.
      Per cui, per favore, suggi sapere dalle mie parole, e non sproloquiare oltre.

      Elimina
  11. ahhahaha quando avrai giocato alla metà dei giochi cui ho giocato io potrai venirmi a parlare di inesperienza.
    Per il resto sei tu quello che me lo può suggere. ;)
    Firmato:Inzivro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro i fanboys (no, Blackpawn non nel senso che pensi tu).

      Elimina
    2. Oh, quindi "ce l'hai più lungo di me"? E dovrei "suggertelo"?
      Che simpaticone, vuoi anche fare un concertino per flauto e sfintere, così ridiamo tutti?
      Non temere, hai dimostrato ampiamente ed a tutti la portata della tua "conoscenza ludica". E credo che tutti, seppur per negazione, possiamo imparare qualcosa dalle tue parole, una volta depurate dalle inopportune volgarità.

      Elimina
  12. Siete in gamba (sì, dico tutti e 3), ma a criticare per partito preso perdete di credibilità. Peccato perché di roba da criticare ce n'è parecchia in giro, e anche Eclipse ha i suoi notevoli difetti, ma demolendo a prescindere è vero che un sorriso lo strappate, ma il blog perde un po' di utilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, la nostra attività E' criticare per partito preso, la credibilità come la intendi è un problema di chi si pone lo scopo di fare "diffusione ludica", di loro abbiamo parlato tanto, e li sentiamo sempre parlare tanto.
      L'"utilità" del nostro sito, se c'è (e in redazione di dubbi a riguardo ne abbiamo più che sui gusti sessuali del White Bishop), è molto più simile a "strappare una risata" che non altro.

      Di roba da criticare ne gira parecchia, direi TUTTA, e non vedo perché i "notevoli difetti" (cito) di Eclipse dovrebbero essere taciuti, ed è così che non si perde credibilità usando lo stesso metro per tutti i prodotti, indipendentemente dal fatto che ci piacciano di più o di meno, che l'autore sia una amico o meno, che l'editore ci abbia mandato il gioco (ahahahaha) o meno. Questo anche se poi certe cose le scrive Il White Bishop e certe altre Black Pawn...

      Elimina
    2. Guarda che con Eclipse sono stati buoni, era da far recesire a uno di quelli veramente cattivi. WB non ha neanche accennato alla grafica delle razze, roba da animazione Cecoslovacca anni '80, o al setup realizzabile solo da manine di gnomo altrimenti mettere su i cubetti è un inferno. Inoltre si è accanito troppo poco con i tempi di latenza, degni dell'orrido runebound che almeno ha un'ambientazione decente, e non saracciata li come un knizia qualsiasi.

      Elimina
    3. E giusto appena accennato che chi perde una battaglia fa quasi tanti punti di chi la vince.
      E che, nonostante la caccia ad armamenti e scudi, poi di scontri quasi non se ne vedono se non da gamer guerrafondai a cui interessa di più annientare qualche nave che vincere. Bambinoni!!
      E che il "conteso" (sè) centro della galassia vale quanto un buco di un tarallo.

      Elimina
  13. E pensare che io e Touko Tahkokallio abbiamo fatto le elementari insieme.

    RispondiElimina
  14. Il Asterionologo15 maggio 2012 23:18

    Buonasera.
    Vedo che parlate male del mio gioco.
    Siete delle merde.
    Brutti fake del cazzo.
    Io ti ho scoperto! Sì, dico a te, Brunelli. Maledetto Preziosi, ti vedo, gli fai coppia, eh? Marrano. Cazzo ridi Tucci, che ce n'è anche per te.

    Non capite un cazzo.

    Il gioco è perfetto, basta solo tralasciare:
    - la traduzione che non c'è (ma non serve, dai, siamo gamer... pure la scatola non la vogliamo toccare)
    - il regolamento inutilmente complicato
    - i fogli di carta velina che dovrebbero essere le plance di gioco (inutilmente giganti, peraltro)
    - le miniature rubate a galactic emperor per risparmiare quei 50 centesimi a scatola
    - la fase di diplomazia che non funziona ed è underpowered (1 cubetto risorsa in più.. uuuh mi viene duro..)
    - il rush tecnologico ai missili, che oltre ad essere ridicolmente potenti, ce ne sono 2 soli (e poi una volta presi te li piazzi in tutte le navi)
    - l'interazione assente, che nelle prime fasi spinge all'esplorazione, e nelle ultime, pure
    - il continuo conteggiare risorse, che alla fine ti senti più un novello Monti che deve racimolare qualche euri dai pensionati per sanare il bilancio, che non una cazzuta razza aliena
    - le razze sbilanciate, con gli organismi biocellulari si riesce a progredire a manetta nella tecnologia, basta usare le tessere per murare i confinanti
    - le navi degli antichi che danno tecnologie fottutamente forti e sono ridicolmente facili da abbattere
    - l'impossibilità di distruggere i pianeti colonizzati nemici se non in 156 comode mosse

    Buon Flame

    Il Asterionologo
    Games' Acchiappator & Risparmiator

    RispondiElimina
  15. Fantastico articolo! Il più gaio dei puzzilli ha centrato in pieno tutti i punti critici di un gioco che amo nonostante le palesi cagate: a livello di materiali è una cartella equitalia, il bilanciamento è palesemente vanto dei playtester di Constantinopolis, e le meccaniche sono calzanti come la ricotta col ciauscolo.
    Bravi ragazzi, dirò a Llukas che vi siete meritati un fake per l'occasione ;)

    RispondiElimina
  16. grazie Riccie per la menzione!

    gioco che poteva essere molto meglio di come è. con un pacco di home rules diventa pure bello.

    comunque:
    Parpuzio is Better...
    And System Doesn't Matter!

    Llukazzo

    RispondiElimina
  17. Mi trovo d'accordo con l'autore anche se forse ha esagerato un attimino, però è vero che, viste le aspettative che Eclipse ha creato intorno a sè, anche io sono rimasto molto deluso dal gioco. Complimenti per l'articolo, molto simpatico ;)

    RispondiElimina
  18. Oh, qui di esagerazione ne troverai a volontà, anzi probabilmente oltre, Tanto che a noi è sembrato, tanto per cambiare, un po' morbidino su tanti aspetti...

    Ma se è passata una risata abbiamo fatto più del nostro.

    RispondiElimina
  19. Purtroppo qualcuno abusa sempre della libertà di scrivere certe fesserie. Il gioco è bello e chi ha fatto la recensione è una "persona" che probabilmente non ci ha mai giocato e che parla per far prendere aria a quella testa.... vuota! Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispostina per l'anonimo con la testa arieggiata: ma tu invece ci hai mai giocato? Trovi che i materiali siano adeguati? Le meccaniche pertinenti? I missili bilanciati??? Essù :D
      Io amo Eclipse ma senza house rules non so se ci rigiocherei, e cmq ogni volta che mi si scompongono i cubetti sulla plancia di carta velina mi sale la bile...

      Elimina
    2. Ciao Max, bentrovato. Magari la prossima volta quel 1 euro in più per delle navette originali e delle plance in cartone, e non in carta velina, spendiamoli.
      Se ti avanza del tempo, dai un occhio anche al bilanciamento.

      Buon Gioco,

      Il Sgamatore
      Editor's Seeker & Finder

      Elimina
    3. Purtroppo non sono io quell'anonimo, ammesso che tu ti riferisca a me, "Sgamatore". :)
      (Per inciso alle 9 di ieri mattina avrei avuto dei problemi anche solo a tenere ferma la tastiera sul tavolo per via delle scosse di terremoto :) ).

      Per il resto sono d'accordo su tutto: l'unica cosa sulla quale posso rispondere è la localizzazione unicamente del regolamento, ma coi costi che ci imponevano, Eclipse full-ITA sarebbe andato al pubblico con un prezzo che superava i 100 euro, fuori mercato (anche perché io stesso avrei giustificato chi l'avrebbe comprato all'estero risparmiando una trentina di euro, per un gioco essenzialmente indipendente dalla lingua, per poi scaricarsi il regolamento ITA dal ns sito). Per la qualità dei componenti e delle illustrazioni... sono gli stessi presenti in tutto il mondo e non dipendono da noi, purtroppo (per lo meno per la grafica abbiamo chiesto di sostituirla, ma risposta negativa... si vede che in Finlandia quelle illustrazioni piacciono, non saprei).

      Saluti,

      Max (quello vero ;) )

      Elimina
  20. Adoro i fanboy, anche quelli anonimi.

    Mi spiace deluderti, ma ho giocato più volte ad Eclipse di quante avrei voluto. Ah, ho anche sempre vinto tutte le volte che ho sviluppato i missili per primo, a conferma del perfetto bilanciamento...

    Ah, spiace rideluderti ma il senso di questo blog, ammesso che ve ne sia uno, è di scrivere fesserie. Solo che, a differenza di altri, noi lo diciamo apertamente e non ci nascondiamo dietro a perifrasi. Scusa la parolaccia (perifrasi).

    RispondiElimina
  21. Io l'ho preso da fanboy di TI, frustrato dall'impossibilità di giocarci (a TI, of course). Anche se alcune cose sono ingiustificabili a livello razionale o sbilanciate, tipo gli upgrade dopo aver ingaggiato, l'esplorazione un po' ad minchiam, i missili uberpowered (che comunque possono essere gestiti), tutte le volte che lo gioco mi diverto alla grande. Basta entrare nell'ottica per cui non è necessario che un gioco del genere debba essere verosimile per essere godibile.
    Aggiungo anche che, chi lo aborre senza se e senza ma, solitamente lo gioca in turtle-mode.
    Andate a giocare a solitario o a quei giochetti gai in cui si coopera tutti in allegria e felicità, se siete tra quei giocatori.

    RispondiElimina
  22. Beh, Whitebishop, hai solo dimostrato che il tuo gruppo di monostrategici non è in grado di produrre una risposta ai missili. Vabbeh, dai, che non siete delle cime si era capito. Buonanotte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un gioco di questa durata e di questa complessità, un elemento che anche solo costringa a variare la strategia di tutti giocatori al tavolo, mi dispiace e non poco.
      E questo a prescindere dal fatto che l'elemento di contrastabile o meno.

      Elimina
    2. Non solo. Se a un gioco di questa fatta faccio due partite ed entrambe mi fanno vomitare dal culo, perché non posso seguire una mia strategia ma o perseguire quella dei missili o giocare per contrastarla (a cui aggiungo le varie cagatelle notate perfino dal bishop), col cazzo che ne faccio una terza.

      Elimina
  23. Hai ragione BP...nessuno ti obbliga a farne una terza. Magari uno si informa e legge un pò poi scopre che...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che?
      Devo leggere e informarmi per fare cosa? Al limite mi leggo un paio di articoli di houserules per vedere di salvare il salvabile, ma il gioco così com'è uscito dalla scatola ha dei problemi. E comunque non sono obbligato a leggere, te che fai, se un film non ti piace così come esce vai a leggerti l'opinione di terzi da sostituire alla tua? Disapprovare, come acquirente, è un tuo cazzo di diritto.

      E poi se una cosa non mi piace e ci ravviso difetti gravi, o che comunque mi disturbano al punto da rendermi indigesta la partita, e non ho voglia di "risolvere" con un HR perché magari è una roba complicata, non ci gioco più di una o due volte e rivendo.

      Ah, comunque io l'ho giocato poco, ma non so quanto l'ha giocato il bishop.

      Elimina
  24. Puzzillo, non capisco...è preferibile un gioco in cui te ne batti le palle delle strat altrui? Mah...
    Benvenuto nel mondo dei giochi diversi dai solitari multigiocatore...! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so gli altri due, ma a me l'interazione piace.
      Non mi piace quando una strategia è sbilanciata, e perseguirla ti rende la vita facile, mentre non seguirla ti rende le cose difficilissime, e non puoi ignorare chi la segue (mentre lui è libero di piallarti in allegria).
      poi se volete difendere eclipse a tutti i costi fatelo, anzi non comprate altri giochi di conquista, che c'è già eclipse che è perfetto.

      Elimina
  25. Capisco che dall' alto delle due partite non si possa dire molto altro a difesa delle proprie sparate. Però bisognerebbe un pò approfondire un gioco prima di cassarlo. Altrimenti si rischia di fare la figura del solito pirla radical snob che deve per forza cassare. Per esempio leggendo su BGG si scopre che i detrattori più feroci sono i soliti casual gamer, mentre chi ha approfondito il gioco sostiene che i missili al plasma sono forti ma: 1) Mai decisivi 2) Sono assolutamente gestibili da parte di chi non ce li ha.
    Poi è chiaro che voi non fate informazione, ma almeno cerchiamo di non fare disinformazione. Se poi il populismo demagogico del casual gamer vi fa così schifo nell' amore spasmodico ed acritico per certi prodotti non si capisce perchè dobbiate sposare la stessa superficialità idiota in chiave cassatoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fatti 'na risata, cazzo.

      Elimina
  26. Leggendo su BGG si scoprono un sacco di opinioni. Il fatto di aver utilizzato del tempo per leggerle non le rende più attendibili o valevoli di altre opinioni, ad esempio quelle del White Bishop.

    "Soliti casual gamer" sono giocatori, "soliti" e "casual" sono aggettivi estremamente opinabili, soprattutto se utilizzati nel tentativo di dimostrare una tesi. Trattandosi di opinioni in un forum poi, il credito riguardo l'attendibilità dell'uno o dell'altro giudizio non sono che faziosità espressa.

    Aggiungo che anche prendendo per buona la specifica offerta da "chi ha approfondito il gioco", emerge che l'elemento "missili" è effettivamente un elemento che necessita un trattamento particolare che devia da una più varia ed equilibrata gestione di differenti strategie.
    E questo ci riporta al punto di partenza, ossia la presenza di un elemento mal gestito in fase di design.
    E il messaggio in termini recensori è lo stesso: "durante le prime partite troverete questo squilibrio". Dover giocare "numerose" partite ad un gioco dalla durata notevole prima di riuscire a gestire un singolo elemento in maniera che la sua influenza sul gioco non rovini l'esperienza, e dover raggiungere questo risultato con tutti giocatori al tavolo, be', è un difetto.
    Quindi direi, ancora, che stiamo dicendo la stessa cosa: Eclipse ha questo difetto. Semplicemente noi non tentiamo di farlo passare per profondità strategica, e lo esaltiamo ironicamente come nel nostro stile.


    Come scrivevo poche nelle ultime ore ad "un anonimo dal tuo stesso stile", nel "chi siamo" e nelle "f.u.c.k." si trova indicato come il lavoro delle nostre recensioni, in subordine al divertimento, sia quello di esaltare i difetti e trascurare i pregi dei giochi, al contrario di quanto normalmente avviene nelle recensioni.
    Si presume che l'interesse per un gioco nasca dai pregi di cui gli si fa credito. Quindi, partendo da quel che di buono ci si aspetta, noi si scrive quello che manca (o eccede) nella realizzazione finale del gioco.

    Con questo spero di aver chiarito le intenzioni del blog e dei recensori, così da rendere palese le motivazioni riguardo la scelta dello stile ironico.

    RispondiElimina
  27. L' intento del blog è chiaro. Sarebbe un pò meglio chiarire i termini di valutazione (ad es. il numero di partite giocate e con quanti giocatori, o se si è solo leggiucchiato qualche cosa qua e là). Se da un lato si lanciano strali contro i "giochini rapidi e fruibili" e la superficialità degli acquirenti o degli entusiasti ci si aspetta una valutazione un pò meno superficiale. Chiariamo anche il fatto che la forza dei missili al plasma non si è palesata al mondo in pieno stile Verità Rivelata, ma solo ad una parte di chi ci ha giocato. Ancora meno la gente che ha trovato questo elemento fastidioso. Questo almeno giudicando il successo del gioco e leggendo commenti, voti su BGG ed altre recensioni. Fare passare per "oggettiva" dapprima in assoluto e poi alle prime partite una opinione di uno sparuto gruppetto di giocatori mi pare francamente troppo poco. Peraltro l'espansione prevista non attenuerà minimamente l' efficacia dei missili al plasma (pensa te). Poi è molto tipico di chi critica gli altri non prendere mai atto delle proprie cantonate. Con affetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riferirsi ai voti di BGG mi sembra un modo estremamente superficiale di valutare i particolari di un gioco.

      Noi preferiamo giocarli. Ci è più utile per poi scriverne.

      Stupirà, ma per fortuna o purtroppo gli editori e gli autori non seguono le nostre indicazioni per produrre le espansioni dei giochi, quindi probabilmente l'espansione sarà indipendente dalle nostre note riguardo questo particolare del gioco.

      Giudicare una recensione superficiale perché non coincide con i propri criteri di valutazione, è sì superficiale.

      Se tutto il tuo discorso è "siete superficiali" ti dirò, meno di quanto possa apparire.

      Spero di aver finalmente capito cosa tu volessi dire, e con questo spero anche di averti risposto.

      Elimina
  28. Piccola aggiunta:
    Di giochi davvero sbilanciati e male costruiti ce ne sono molti davvero. Giustappunto Spielbox appioppava un bel 3 all' ultima uscita. Ho l'impressione alle volte che le vostre recensioni negative siano per lo più rivolte ai titoli del momento in cerca magari di facili accessi al blog. Putroppo quando "cannano", come in questo caso, risultano più una cosa stiracchiata e forzata che esprime (a me eh?) più di qualche sbadiglio che una sana risata. Così abbiamo anche aggiunto una parte costruttiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "un anonimo" ha commentato la sfida di Puerto Rico lamentandosi che il gioco non fosse una nuova uscita. Ora leggersi da "un anonimo" accuse di recensire i giochi più recenti suona piuttosto ridicolo.
      Quasi come se "un anonimo" scrivesse accuse a caso pur screditare i recensori.

      Trovo che la vera "cannata" sia proprio sperticarsi in accuse inconsistenti, infondate, contraddittorie quanto davvero futili e, soprattutto, tutt'altro che divertenti.

      Le recensioni "negative" non sono facili accessi al blog, sono il blog.
      Mi chiedo perché per qualcuno sia così difficile capire che questo è un sito che ironicamente trascura i pregi ed esalta i difetti.

      Gli accessi facili ce li regalano troll, flamer, disturbatori, fanatici, e altri personaggi più o meno volontariamente limitati.

      Elimina
    2. E pensa, mai uno di questi si presenta con il proprio vero nome.

      Elimina
  29. Capisco che la coerenza sia merce rara al giorno d'oggi. Prima si dice che IlPuzzillo non offende mai e poi da del troll, disturbatore, fanatico e limitato all'interlocutore. Che poi si accusi di anonimato chi si firma IlPuzzillo (immagino che Il sia il nome e Puzzillo il cognome) è solo un altro giro di valzer sulla coerenza di oggi. Ma così è se vi pare. Altra bravura dei poveri (informatissimi) autori del blog è quella di distorcere le parole o gli argomenti di chi li critica. La mia personale linea di pensiero è: trovo civettuolo e demagogico che recensiate solo giochi famosi (recenti e non) spacciando per difetti eclatanti (sia pure nell' intento "umoristico") quelli che sono, spesso non sempre, marginali difettucci opinabili, quando non si tratti invece di prime impressioni a caldo. Questo quando in circolazione ci sono davvero piccoli capolavori del trash ludico. Poi ognuno fa quello che vuole. Però trovo sempre poco coerente invocare il diritto di critica e di satira per parlare dei giochi altrui e scandalizzarsi perchè qualcuno fa lo stesso con il proprio blogghettino. Magari preferite solo commenti da fanboy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avessi mosso una sola critica fondata, avrei potuto distorcerla, la serie di insinuazioni e mezzi insulti che hai scritto nulla hanno a che vedere con una critica.

      Tanto che alla fine il tuo pensiero è: questo blog che ignora i pregi ed esalta i difetti ignora i pregi ed esalta troppo i difetti.

      Bene. Direi che siamo d'accordo, l'abbiamo persino scritto nel "chi siamo".

      Ho scritto "Gli accessi facili ce li regalano troll, flamer, disturbatori, fanatici, e altri personaggi più o meno volontariamente limitati." Rispondendo alle ennesime accuse di "scrivere di difetti per fare facili accessi" (cosa che è, lo ripeto, esattamente lo stile del blog).
      Se ti sei sentito inserito nella lista non è una mia offesa, è la tua volontà.

      I fanboy ci scrivono, ma sono fanboy dei giochi, degli autori, delle case editrici, e del loro ego.

      Critica, ma critica. Nulla di quello che hai fatto è stato criticare.

      PS il puzzillo non è anonimo. Tu lo sei.

      Elimina
  30. Discorso chiaro. Mi levo dai piedi e vi lascio al vostro specchio. Sono certo che vi troverete l'immagine della perfezione. Almeno avete dato un'idea lampante di coerenza. Arrivederci.

    RispondiElimina
  31. Credevo fossimo vicini a cavarne un concetto sensato.

    Peccato, sarà per la prossima volta.

    Ci si vede alle prossime fiere, tu saprai chi sono, spero ti presenterai.

    RispondiElimina
  32. Volentieri. Spesso dal vivo e senza la "carne della propria carne" da difendere pubblicamente si ragiona e si comunica meglio.
    Cordialmente.

    RispondiElimina
  33. Ma il gioco con l'espansione è migliorato?

    RispondiElimina
  34. Ecco cosa s'intende quando si parla dell'importanza delle prime impressioni. Se Eclipse me ne avesse date di buone, magari avrei dato un'opportunità all'espansione...

    RispondiElimina

Il sistema ci mostra il tuo IP, pensaci quando ti viene in mente di offendere qualcuno o infrangere qualche legge.