mercoledì 2 marzo 2011

7 Wonders - patatine fritte per tutti


Titolo: 7 Wonders
Anno: 2010
Autore: Antoine Bauza
Editore: Repos Production, Asterion Press (ita)
Tipo: Gioco di carte
Genere: Strategia
Meccanica: Draft
Numero Giocatori: 2-7
Durata: 30-45 min
Difficoltà: 2/5
Dipendenza dalla lingua: nulla (titoli delle carte)
Illustratore: Miguel Coimbra

IMMAGINI

La meccanica del draft.
Magari non le avevate mai dato un nome, ma la conoscete dai tempi in cui giocavate all'Uomo Nero con l'asso di bastoni sulle carte da briscola, è stata come la scoperta dell'acqua calda per i giochi di carte. Poi, mischiando le carte (manco a dirlo), si è giunti a qualcosa di vagamente più ludico inserendo tale meccanica in un contesto appena più sviluppato, con il risultato di aver messo nell'acqua calda una bella patata a lessare: Fairy Tale; ma a soli sei anni da quell'evento la parabola del progresso umano fa la sua parte friggendo la patata a pezzetti, è 7 Wonders, stessa sostanza, ma più gustosa.

E proprio per tale ineluttabile principio 7 Wonders è il gioco che, presentato con pochi rivali alla fiera di Essen a ottobre 2010, farà incetta di premi nel 2011.
Perché? Semplice come 7 Wonders: da 2 a 7 giocatori, 30-45 minuti di partita reali e, appunto, semplice QUANTO divertente.

Un gran gioco
insomma, e in ogni senso, perché per trattarsi di un gioco composto da 150 carte, sei plancette e una manciata di segnalini, la sua scatola dalle dimensioni superiori a quella di Agricola sembra tirarsela un po'. E' pur vero che le carte stesse hanno una pratica sovradimensione che ha reso necessaria la produzione di bustine protettive ad hoc, dimensione della quale almeno sono lieti i giocatori oltre i quaranta, quantomeno per visibilità. E ancora, per dimostrare quanto la produzione di questo gioco viaggi tra genio e follia, le monete in legno sono di due tagli: senza cifra indicata, piccole e grigie o grandi e dorate, le prime per il valore di uno e le seconde per il valore di cin... errato, di tre. Sì ci cadono tutti. Dov'è il genio in questa scelta? Legato al design, tre monete a fine partita valgono un punto, inoltre altrimenti sarebbero servite molte più monete da uno, e nessuno vuole spendere di più, soprattutto gli editori.

Questa patatina, fritta da Antoine Bauza, è un gioco ad interattività limitata e garantita, in cui vivete un'esperienza condominiale, condividendo le carte e la sorte di tutti i partecipanti, poiché lo "scegli e passa" del draft mette tutti i giocatori in contatto più o meno diretto, ma da chi dovete guardarvi le spalle, o meglio i fianchi, sono i vostri vicini, avversari più prossimi e personaggi con i quali ingaggerete tutti gli scontri più aspri, nel nostro caso, quelli militari inevitabili alla fine di ognuna delle tre ere. Questo senza dimenticare che i vostri vicini sono anche gli unici a cui potete chiedere del sale quando avete ospiti al sabato sera, ossia gli unici con i quali poter effettuare scambi commerciali.

Fin qui sembrerebbe trattarsi di un gioco per famiglie, la cui semplicità possa conquistare facilmente il pubblico meno esigente, quello che invece ha conquistato immediatamente noi giocatori è che le carte scelte non sono semplicemente una collezione di set, semi o colori, ma parte di una strategia produttiva, di commercio, di sviluppo, culturale o bellica. Si trovano fra le carte infatti risorse e diverse tipologie di costruzioni per cui utilizzarle, aprendo una varietà di scelte in grado di variare enormemente lo sviluppo della partita, senza considerare che le condizioni speciali di partenza di ogni giocatore, legate alla meraviglia casualmente ottenuta durante il set up, influiscono in maniera determinante sulla possibile strategia di gioco, così come è determinante la posizione rispetto ai propri vicini. A implementare le possibilità strategiche c'è la possibilità di giocare la carta scelta ad ogni turno in tre maniere diverse, vendendola, piazzandola o utilizzandola come uno stadio della costruzione della propria meraviglia.

L'effetto nei primi turni di gioco è quello di un bimbo catapultato a Disneyland, con tante di quelle voglie da non sapere dove gettarsi; verso la fine la questione però vi rende più simili a dei vecchi seduti fuori dal centro anziani che scuotono il pugno verso i ragazzini che corrono in strada, maledicendo il mondo con particolare attenzione ai giocatori a voi più prossimi, ora perché non abbiano prodotto quella risorsa che avreste voluto comprare, ora per avervi rifilato due carte inutili all'ultima mano.

Si tratta quindi di un "mai più senza" di cui già si aspetta con ansia e timore la prima espansione: Leaders, che aggiunge non solo 32 carte del nuovo tipo (i leader appunto) e relativa meccanica (si potranno giocare ad inizio di ogni era), ma anche la nuova meraviglia dell'Antica città di Roma (era ora).
Intanto, le patatine fritte, piacciono a tutti.


PRO: coinvolgente, divertente, soddisfacente, mai due partite uguali, veloce, caratteristiche valide per qualsiasi numero di giocatori.

CONTRO: piccoli problemi di dimensioni (ammesso che "troppo grande" possa considerarsi un problema in qualche momento della nostra vita), necessità di custodie su misura per le carte e, considerata la frequenza di gioco, il rischio di consumarsi (certo non prima di sei mesi intensi).

10 commenti:

  1. Hai dimenticato un dettaglio: come tutti i fritti, lì per lì pare pure buono, ma a fine serata rimane un po' di puzza nell'aria...

    RispondiElimina
  2. la puzza di solito dipende dai giocatori.
    Nutrizionalmente il consiglio è di evitare una cena di sole pattine fritte, 7 Wonders rimane comunque un contorno o uno sfizio.

    RispondiElimina
  3. Ma 7 wonders ha qualcosa in comune con Dominion? (a parte l'utilizzo di carte ovviamente).
    ma della "famiglia" di Dominion c'e' un "vincitore" o bisognerebbe ancora aspettare?

    RispondiElimina
  4. Analogie? Certo, stanno entrambi in una scatola ed inizialmente creano entrambi dipendenza. Per il resto accostare 7 Wonders a Dominion è un errore nato da qualche presentazione più sbagliata di un dito nel naso durante le foto del matrimonio.
    Dominion è un gioco che usa una meccanica divertente, 7 Wonders è un gioco divertente che usa una meccanica.

    Tra i figli di Dominion al momento Ascension è quello che mi pare più valido (sebbene ancora distante dalla perfezione e buono solo per 2-3 giocatori), con qualche chance c'è anche Resident Evil con le sue diverse modalità di gioco, ma non ci punterei un cent.

    RispondiElimina
  5. 7 Wonders e' divertente in 2?

    RispondiElimina
  6. In due c'è di meglio, che so, giochi per due.
    7 Wonders in realtà adatta a due un regolamento che sembra più un "tre con il morto", che genera un effetto un po' più casuale del giocare effettivamente in tre.
    In due gli preferirei Ascension o, se piace l'ambientazione, Warhammer Invasion, se non il solito Magic (mazzi precostruiti); per rimanere in tema giochi di carte mi si dice piacente (ma meno breve degli altri) il gioco di carte dei Coloni di Catan, ma di questo non ho altre informazioni.

    RispondiElimina
  7. Magic... non so... magari ci penso... e' che magic con i mazzi prefatti mi sembra un po' troppo a culo nel pescare le carte... di solito una volta fatto il mazzo... cali quello che hai in mano e che puoi calare... quindi... boh.
    Ascension non ne avete parlato proprio benissimo, rimango titubante... aspettero', di tempo da perdere ne ho (e a giudicare da come ho scritto... anche di puntini di sospensione :P )

    RispondiElimina
  8. I nuovi mazzi tematici di Magic sono piuttosto ben fatti, inoltre sono uscite una serie di versioni del gioco per due con elementi particolai che aggiungono una certa varietà.
    Ascension non è male come può esserne uscito da qui.
    Altrimenti ci si può spostare sui giochi da tavolo veri e propri

    RispondiElimina
  9. Ascension io l'ho consumato a forza di giocarlo in due. Confermo i dubbi sul gioco in tre e l'inutilità del gioco a quattro, ma in due spacca.

    RispondiElimina
  10. Complimenti per la recensione e per il sito. Hai fatto una disamina molto puntuale e corretta. Ritengo che la forza di questo gioco sia sicuramente il fatto che sia semplice, ma estremamente divertente e ha una grafica accattivante. Come neo potrei dire la mancanza di interazione tra giocatori non vicini.
    Vi segnalo la recensione fatta sul ns sito
    www.compagniadeldado.it
    saluti
    andrea

    RispondiElimina

Il sistema ci mostra il tuo IP, pensaci quando ti viene in mente di offendere qualcuno o infrangere qualche legge.