sabato 28 maggio 2011

Cargo Noir - nell'umido o nel multimateriale?

Titolo: Cargo Noir
Anno:
2011
Autore:
Serge Laget
Editore:
Days of Wonder (ing)
Tipo:
Gioco da tavolo
Genere:
Fortuna
Meccanica:
asta palese, collezione di set
Numero Giocatori:
2-5
Durata:
45-90 min
Difficoltà:
1/5
Dipendenza dalla lingua:
quasi nulla (tre carte hanno un breve testo)
Illustratore:
Muigel Coimbra

IMMAGINI




Serge Laget, l’autore francese che ci ha deluso con Ad Astra e annoiato con Shadows over Camelot, oggi completa il percorso stupefacendoci con Cargo Noir, un prodotto così americano da trovare impreparati persino gli editori americani. Sapete degli “ameritrash”, quei giochi di origine statunitense che fondano il proprio successo su di una ambientazione di grande richiamo e una componentistica ineguagliabile, tralasciando la parte meccanica ritenuta di contorno? Ecco, Cargo Noir è questo, ma senza il grande tema e con meno attenzione allo sviluppo delle meccaniche. Effettivamente troppo anche per un ameritrash.

In realtà di meccaniche ne ha due, chiare e ben definite: un’asta continua e una collezione di set, niente di più. Parrebbe un gioco da ragazzi anzi, un gioco per ragazzi, idea che si scontra però con la scelta d’ambientazione del contrabbando e della furfanteria politica, tanto da poter trovare nella gradevole grafica (gradevole nonostante sia più francese di una baguette) accenni tutt’altro che velati a personaggi come il nano comico italiano più famoso del mondo. Una scelta contrastante al limite dell’incoerenza, anche perché a differenza della cura di particolari come le dettagliate barchette in plastica colorata, i monetoni plastici bronzati e i disegni citazionisti, l’esperienza di gioco è più povera di un venditore di frigoriferi al polo.


Il gioco presenta varie zone in cui sono disponibili un diverso numero di oggetti di contrabbando, zone sulle quali i giocatori piazzano le proprie navi accompagnate da un certo numero di monete, da qui l’asta che equivale ad un’azione del turno di ogni giocatore, il che significa rilanciare o ritirarsi, perdendo un’azione. Frustrazione al quadrato. Intanto gli oggetti presi possono essere trasformati in acquisti di carte punteggio, completate da tre carte bonus utili per alcuni vantaggi come azioni extra, spazi d’immagazzinamento oggetti aggiuntivi e l’incasso di un paio di monete al ritirarsi da un’asta. La spesa però è istantanea, niente resti e niente cassa: punti o morte. Dopo i primi due turni potreste preferire la seconda, ma se doveste arrivare in fondo ai 10/11 turni (a seconda del numero di giocatori) vi rendereste conto di quanto durante quel tempo avrete dovuto fare quel che dovevate, senza margini d’azione (né d’errore, giacché è impossibile sbagliare quanto inventarsi qualcosa), giungendo al colpo di grazia dell’ultimo turno, apice della frustrazione ludica, in cui l’asta continua senza concedere alcun meccanismo di chiusura, terminando semplicemente per tempo, e finisce così come finisce la partita stessa, senza sorpresa alcuna, come finirebbe un mal di denti dopo una cura dal dentista: amaro in bocca e la speranza di non capitarvi mai più.

PRO - bella componentistica.

CONTRO – minimale, ripetitivo, frustrante.


NOTE – Cargo Noir è stato presentato come titolo di punta dell’anno per la casa editrice Days of Wonder, se avete partecipazioni in tale azienda rivedete i vostri investimenti.


LA GUASTAFESTE DICE – “ma questi li provano prima di venderli?”

17 commenti:

  1. Totalmente allineato.

    Merda. Merda viscida.

    RispondiElimina
  2. ma ... com'è fatto un bel gioco?
    questo no, quello no, quell'altro no ... ma allora quale? c'è un titolo che si salva?

    Qual'è il gioco da avere con se nella famosa isola deserta?

    RispondiElimina
  3. Mi spiace ma di quelle cose lì noi non sì parla, don cose che sì discutono in privato, lontano da orecchie indiscrete!

    A dire il vero tra i titoli finora recensito ce né sono almeno un paio che nonostante tutto trovano posto nella nostra isola deserta. Ciò non toglie che siano traboccanti di difetti quanto Sgarbi di sé, ma che vuoi farci, se si vuol giocare bisogna pure saper godere di quel che si ha, altrimenti ad oggi avrei ancora la videoteca del porno più fornita d'Europa... senza offesa per nessuna.

    Al limite posso mandarti la lista della mia ludoteca attuale (diciamo una selezione, che da acquirente compulsivo comunque i buoni titoli vedono una certa minoranza).

    E non perdere fiducia in autori ed editori, credi nel gioco, un giorno ce la farà.

    Ovviamente quanto qui detto non vale per Cargo Noir!

    RispondiElimina
  4. io ho fiducia nel gioco e negli autori, e devo dire che forse sono di bocca buona! Sarei proprio curioso di sapere quali sono i giochi che porteresti nell'isola e anche quali titoli giochi malgrado i conati di vomito

    RispondiElimina
  5. Appena rientrerò in sede sarà mia premura raccogliere una manciata di titoli a prova di nausea per prepararci al fortunato evento di passare abbastanza tempo tempo su di un'isola senza nulla di meglio da fare che giocare che so, a Twilight Imperium...

    RispondiElimina
  6. Stef (quello Castelli)28 novembre 2011 21:56

    Qual bizzarrìa!

    Days of Wonder regala Cargo Noir per ogni 50 euro di spesa, fino a Natale...

    Qui: http://blog.daysofwonder.com/2011/11/18/days-of-wonder-2011-holiday-gift-cargo-noir/

    Bizzarro! Bislacco!

    RispondiElimina
  7. Che c'è dentro Cargo Noir? Magari posso ricavarci qualcosa per dei prototipi...

    RispondiElimina
  8. Stef (quello Castelli)29 novembre 2011 10:50

    Nah, non va bene manco per quelli... :(

    RispondiElimina
  9. Da noi lo chiamiamo Cago Noir e rende bene l'idea

    RispondiElimina
  10. Credo che "cargo" sia un refuso.

    RispondiElimina
  11. Ecco. Pure il gioco

    Tra l'altro sto leggendo oggi sulla tana dei peplum che pure l'altro gioco di caghala fa un po' schifo.

    burdigala

    RispondiElimina
  12. Stef (quello Castelli)30 novembre 2011 18:52

    Il topic su Burdigala l'ho aperto io. Sembrava caruccio. Poi in tre mi han detto che è 'na pozza de vomito. Mica è colpa mia.

    (se ha le carte con le azioni speciali DEVE essere carino, cazzarola...)

    RispondiElimina
  13. Ah, se l'ha detto Stef, che è carino, mi fido ciecamente. Sicuramente merita di essere comprato per la serata in famiglia di Natale, quantomeno per alimentare il caminetto.

    RispondiElimina
  14. Carino com'ero carino io per le ragazze: "sei carino MA..."

    RispondiElimina
  15. Mi sembra il sito giusto per parlare d'imperfezioni.

    Per quanto riguarda i miei rapporti invece semplicemente ad oggi non si usa più la parte prima del "ma...".

    RispondiElimina

Il sistema ci mostra il tuo IP, pensaci quando ti viene in mente di offendere qualcuno o infrangere qualche legge.